Sicilia ”un paese indicibilmente bello”

La Sicilia ha una storia lunga 4000 anni. Fin dalla preistoria fu meta di popoli attratti dalla sua bellezza, rigogliosità e fertilità, i quali hanno lasciato sul suo suolo ricche testimonianze storiche ed artistiche che ancora oggi suscitano ammirazione per la loro stupefacente bellezza.

Fenici, Greci, Romani, Bizantini, Arabi, Normanni, Svevi, Francesi, Spagnoli: tutti hanno scavato un solco nella sua fisionomia. Era un paese bramato, un eccezionale crocevia della storia nel quale si mescolavano razze e civiltà diverse. Tutto ciò è ancor oggi riconoscibile nei tratti somatici dei suoi abitanti, oltre che negli usi, nei costumi, nei nomi delle città, nella cucina e nella stessa lingua dei siciliani.

A Siracusa, Agrigento, Selinunte, Imera i Greci innalzarono i loro templi in stile dorico. I Romani decorarono le loro sontuose ville con magnifici mosaici che ci raccontano dei gusti dell’epoca. I Normanni eressero le maestose cattedrali di Cefalù, Palermo, Monreale.

Decorazioni arabe e bizantine danno alle chiese e ai chiostri la loro perfezione suprema. Gli Hohenstaufen edificarono in perfetto stile geometrico i loro imponenti castelli e le loro torri. Agli spagnoli si deve il barocco di chiese e dimore signorili ancor oggi fonte di meraviglia a Palermo e nelle regioni sud-orientali dell’isola.

Percorrere la Sicilia significa scoprire e rivivere vari millenni di civiltà, storia e cultura europea e non solo. Descrivere le impressioni che l’isola lascia ai visitatori è cosa difficile, allora vediamo cosa di lei hanno scritto illustri viaggiatori che nei secoli l’hanno percorsa, ne hanno ammirato le bellezze artistiche e naturali, hanno conosciuto il calore e l’ospitalità dei suoi abitanti e che, in una parola, l’hanno… amata.

share this post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

condividi questo post

Scopri anche

iscriviti al culturforum

Impara  l'Italiano in Sicilia.

Invia la tua richiesta e saremo felici di rispondere il prima possibile.