+39 0921-923-998 | +39 329 22 85 421 | info@culturforum.it | Culturforum

Single Blog Title

This is a single blog caption
9
Mag

Memorie

   

“… bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione e rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”.

Oggi, 9 maggio è stata una mattinata di festa a Cefalù. Il 100° Giro d’Italia ha scelto la nostra città per la partenza della 4a tappa.

Una mattinata di musica, festa, colore in riva al mare.

Ma a noi oggi, in questa allegra giornata, piace richiamare alla memoria un triste evento, un anniversario che ancora ci colpisce e ci rattrista.

Trentanove anni fa in questo giorno, il 9 maggio 1978, moriva Peppino Impastato, assassinato dai mafiosi che non potevano tollerare la su aperta opposizione al vivere e all’agire mafioso che contaminava la sua città e l’isola tutta.

Il suo impegno politico e la sua lotta antimafia l’hanno portato alla morte, ma i suoi familiari, amici e compagni hanno portato avanti le sue idee. È anche grazie a lui se ancora oggi si parla tanto di mafia, perché, sono sue parole: “La mafia uccide, il silenzio pure”.

A chi non lo ha ancora visto, consigliamo di guardare il film I cento passi un ritratto di Peppino Impastato ma anche degli anni ‘70 e degli ideali e delle utopie che hanno animato le giovani generazioni di allora.

English version

“… we should educate people about beauty: so that men and women do not fall into habit and resignation, but keep curiosity and wonder alive.

Today, May 9, was a cheerful morning here in Cefalù. The 100th edition of the Giro d’Italia, the most famous cycling competition in Italy, selected Cefalù as the departure city for the 4th stage. It was a morning of music, celebration, and colors along the boardwalk.

For us, however, this joyful day brings to mind a tragic event, an anniversary that still saddens and stings us.

Thirty nine years ago today, the 9th of May 1978, Peppino Impastato was killed, assassinated by the Mafia. The mafiosi could not tolerate his open opposition to living under Mafia rule, contaminating his town and the entire island.

His political engagement and antimafia activism directly caused his death. His family and friends continued his ideals. It is thanks to him that even today we speak openly about the Mafia, because, according to his own words:The Mafia kills, and silence as well.

For those who have not seen it, we recommend the filmI cento passia portrait of Peppino Impastato and also of the 1970s, the ideals and utopias that moved the young generations of that time.

 

AAA

Leave a Reply